Prove di Cernit

x
Divertente è divertente, ma senza mattarello, forno dedicato, formine ed attrezzi vari, il risultato è piu’ che mai artigianale.
Ma mi piace :)

Annunci

24 thoughts on “Prove di Cernit

  1. ciao Simona,
    ma hai fatto tu la collana?
    Ma sei molto brava!!!
    Mi piace ,!!!!!
    Beh,adesso mi dirai come si fa,ci voglio provare anch’io!!!!;-)))))!!!!!
    Complimenti.
    Tonia

  2. bellissimi!!!!!!!!!! e poi l’azzurro è il mio colore preferito. Sono rientrata tardi da Firenze, le novità te le racconto domani. Ero andata in vacanza per Pasqua e aFirenze ………..neve a Pasquetta!!!!!! le ie povere vecchie ossa non sono state contente!!! baci a tutti Rita

  3. Tonia:
    ciao:))) Si, ho fatto io la collana. Il cernit e’ una pasta sintetica che va lavorata e combinata in piu’ colori per creare diverse fantasie. Non e’ semplice da spiegare, infatti mi sono presa un manuale per imparare qualche tecnica.
    Ti mandero’ qualche link per farti vedere di cosa si tratta. Bacioni!

    Rita:
    grazie ;)) Firenze e’ meravigliosa!!! Aspetto le tue novita’. A presto.

  4. Simona buon pomeriggio,
    grazie per i link che invierai.;-)))))
    Ho visto gioielli fatti col fimo e sono spettacolari.
    Ma per il fimo ci vuole il fornetto per la cottura.
    Io cerco qualcosa di piu’ semplice,e forse il cernito lo e’.
    Aspetto.
    bacioni grandi grandi!!!!!
    Tonia

  5. Tonia:
    anche per il cernit, come per il fimo, ci vuole il forno. Io, da brava inesperta, ho cotto tutto nel forno di casa. Dopo aver letto bene le istruzioni, ho colto l’occasione per dare una pulita memorabile al forno, e gli ho fatto prendere aria per un po’. Ho letto che il cernit si puo’ anche far bollire in pentola (da non usare per alimenti). Vedro’ che fare, per il momento non ho intenzione di comprare un fornetto.
    Prova a vedere a questo indirizzo: http://www.sculpey.com/projects.htm
    ci sono dei progetti con paste sintetiche a diversi livelli (e’ un sito americano, ma le foto sono chiare):
    – principianti (Beginners projects)
    – livello medio (Intermediate Projects)
    – livello avanzato (Advanced Projects)
    Bacioni! :)))

  6. WoW Simo!
    Come primo esperimento direi che te la sei cavata alla grande!!!

    Con tutte le perle che hai prodotto però, potevi farci almeno 4/5 collanine “leggere”, se le intervallavi con conterie, rocailles e simili!

    (~_^)

  7. Scarabocchio:
    grazie :) In effetti la collana e’ gia’ disfata, era carina ma un po’ troppo zeppa di perline. Seguiro’ il tuo consiglio di ricavare piu’ collanine. Baci!

  8. SCUSATE IL RITARDO !!!!!! volevo raccontarvi di Firenze, ma i doveri sono sempre più dei piaceri………… comunque dopo 4 giorni sotto una pioggia battente in visita a capolavori eterni….scopro un a simpaticissma cosa su una bancarella: due lastre di vetro sigillate con silicone al cui interno c’è acqua, bolle d’aria e diversi tipi di sabbia di colore diverso. Il tutto funziona come una clessidra: ogni volta che si capovolge la sabbia ( di diverso peso specifico per diverso colore) si sistema in modo completamente diverso dal precedente creando paesaggi montagnosi unici ogni volta. La creatrice mi aveva anche parlato di un suo sito”duneartigianali.it” ma non riesco e trovarlo. Comunque i ragazzi a cui erano destinati tali souvenir li hanno miolto graditi. Scusate la chiacchiere. saluti a tutti Rita

    PER SIMO se questi erano i gioielli frutto di un primo tentativo aspettiamo gli altri. io ho sempre fatto delle piccole cose , ma con perline acquistate, ma forse provo anche io a farle che dici? BAci Rita

  9. Simona volevo ritornare sul forno.
    Sono perplessa sull’utilizzo del forno di casa .
    Ho letto che il forno deve essere usato solo per la cottura della pasta modellabile.
    Perche’ si sprigionano dei fumi tossici.
    Perche’ hai usato quello?
    Sei sicura adesso che puoi utilizzarlo per cuocere le pietanze?
    Mi hai lasciata perplessa,!!!!!!La salute Simona cara.
    Hai detto che gli hai fatto prendere aria dopo la pulizia.
    Simona non ripetere l’esperimento per favore,
    prova con la bollitura.
    ;-((((((!!!!
    Ciao
    Tonia

  10. Tonia:
    :)) ti ringrazio per l’attenzione che mi dai, ma non preoccuparti. Il forno e’ stato in azione una decina di minuti e la quantita’ di pasta in cottura non era cosi’ importante. Il fatto certo e’ che non usero’ piu’ il forno di casa con queste paste, alla mia incolumita’ ci tengo anche io! Come ho gia’ scritto, ho letto dopo della possibilita’ di diffusione di sostanze tossiche e non e’ certo mia intenzione sottovalutare questa notizia.
    E’ per questo che mi sono fermata e che vorrei avere informazioni piu’ precise prima di continuare.
    Bacioni!

  11. Non generiamo falsi allarmismi, please!!!
    Qualche “sporadica” cottura nel forno di casa non ha mai ucciso nessuno, l’importante è avere l’accortezza di non cuocere subito cibi dopo aver effettuato la cottura delle paste sintetiche!
    Conosco persone che da anni praticano questo hobby e da sempre utilizzano il forno di casa…
    Il fornetto a parte va acquistato quando ci si rende conto che la lavorazione delle paste è nelle nostre corde, quando siamo sicure che lo utilizzeremo spessissimo: non si può comprare un fornetto solo per fare delle prove di cui non possiamo prevederne l’esito!

    Per la cottura sconsiglio la bollitura!

    Se serve altro dite pure… un briciolo di esperienza dopo circa due anni di lavorazione, sperimentazione e studio, credo di essermela fatta!

    ;-)

    PS: se occorre, nella sezione F.A.Q. sul mio blog ci trovate qualche indicazione in merito!

  12. Scarabocchio:
    grazie! Aspettavo proprio un parere da un’esperta come te. Ero certa anche io che un’unica cottura non poteva compromettere nulla, ma volevo avere le idee piu’ chiare. Quindi andro’ a leggere la tua sezione F.A.Q. :))
    Quello che dici sull’acquisto dei materiali è giustissimo e io cerco di sprecare il meno possibile, quindi acquisto lo stretto necessario quando voglio provare una nuova cosa.
    La prossima cottura sara’ in acqua, questo e’ certo :)
    Buon sabato sera e grazie ancora.

  13. Bellissima collana, che scocciatura dover usare un forno… Pero’ esiste la ceramica a freddo, ne ho comprato un panetto all’Hobby Show di Roma ma …. ancora non l’ho usata…. Ciao e complimenti

  14. Mi sento sempre fuori luogo quando navigo in questo blog vista la mia totale assenza di nozioni e informazioni relativi ai tuoi hobbies.
    Ma è bello sapere che se un giorno magicamente la creatività mi catturerà avrei un buon punto di riferimento.
    Pure il cernit adesso? Ma sei un vulcano!

  15. Artisticando:
    grazie per il complimento, ma mi sento alle primissime armi con questa tecnica e sapere che si puo’ fare di gran lunga meglio mi fa venir voglia di continuare. Se la ceramica a freddo non ha bisogno di cottura e da’ gli stessi risultati, vale una prova! Ciao :)

    Seaforever:
    quando vorrai imparare qualcosa io sarò qui :)) Avete “rollato” ieri? Baci!

  16. Il forno speciale non ti serve – se lavori con Cernit oppure Fimo. Se trovi da qualche parte un macchinetta di pasta (che non puoi usare dopo per fare la pasta) – funziona come il matterello ma fa il lavoro meglio.

  17. Ingrid:
    Ciao! :)) Vuoi dire che posso cuocerli nel forno di casa?? Prima proverò comunque la bollitura.
    Ho visto su alcuni siti (ed anche sul manuale che ho acquistato) che viene usata la macchina per la pasta. Ho già sparso la voce tra familiari e conoscenti, e se qualcuno vorrà sbarazzarsene io farò da cestino :)) Grazie per i consigli!

  18. Laura:
    grazie per i complimenti, ma non sono affatto bravissima. Ma giuro che vorrei esserlo :)) Se hai un blog/sito mi piacerebbe vedere i tuoi dolci ;) Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...