DayBlogdal Festival della Letteratura di Mantova – domenica 7/9

Guðrún Eva Minervudóttir
Guðrún Eva Mínervudóttir

Dal programma ufficiale del Festival:

ore 15:00 Evento n. 183
Chiostro del Museo Diocesano
Paola Mastrocola, Guðrún Eva Mínervudóttir
YOSOY PAGINE ISLANDESI
Sarà la natura selvaggia e la predominanza della notte, ma la letteratura islandese si caratterizza per uno sguardo cupo e a volte senza speranza sulla realtà. Come in Il circo dell’arte e del dolore dove la giovane e talentuosa scrittrice islandese rappresenta, senza lasciare scampo al lettore, il mondo complesso in cui viviamo. Si confronta con lei Paola Mastrocola, che ha fatto dell’ironia la cifra delle sue prove letterarie.

———————————————————————————–

h. 12.00

All’incontro di ieri con Safran Foer il cortile del Castello era pienissimo. Mai vista tanta gente. Scene di vera venerazione per lo scrittore, preso d’assalto per l’autografo dei libri ancora prima dell’inizio dell’intervista. Certo, per una come me che non ha letto i suoi libri può sembrare un po’ eccessivo tutto questo, ma allo stesso tempo mi auguro di non fare mai carte false pur di stringere la mano a un autore che apprezzo. Già ho rischiato di eccedere con Baricco, che non ho mai incontrato ma che per un certo periodo è stato per me un mito. Ora penso che l’opera sia più importante di chi l’ha scritta, perchè in fondo è quella che rimane. L’autore è una persona, come tutti noi, con uno specifico talento – è vero -, ma pur sempre una persona, che è meglio non idealizzare. Non serve.
A costo di ripetermi, questo scrittore americano mi è piaciuto proprio per questo, perchè con naturalezza e sicurezza mi ha trasmesso il concetto di separazione tra scrittore e libro. Il fatto, poi, che io mi sia messa in coda per ascoltarlo oltre un’ora e mezza prima dell’inizio, è stato soltanto per trovarmi un posto decente e comodo. Ci sono riuscita, ero in seconda fila laterale al palco, posizione per me perfetta.

Nonostante io legga poco libri di genere thriller, Carlo Lucarelli non volevo perderlo. Sono stati piacevoli da ascoltare sia lui che Dorfles. Non ho molto da dire su questo incontro, se non che entrambi sono stati bravi a incuriosire. Infatti, questa mattina ho acquistato L’isola dell’angelo caduto per mia mamma, che poi ovviamente mi farò prestare.

Ora mi trovo sulle rive di uno dei due laghi di Mantova, ci sono un sacco di pescatori e tanta gente che passeggia a piedi e in bicicletta. Se è vero quello che ci ha detto il padrone del B&B (“qui a Mantova puoi lasciare i bagagli in macchina che stai tranquillo non te li porta via nessuno”), questa è una città in cui vivere.

Parlerò dell’incontro con l’autrice islandese delle 15:00 quando sarò già a casa, così come l’esperienza del Subbuteo. Inoltre, ho molte fotografie da pubblicare e imprecisioni di impaginazione e quant’altro da correggere.
Qui termina il mio DayBlog da Mantova, una bella e “da perfezionare assolutamente” esperienza, che rifarò e che consiglio vivamente di sperimentare.
Ciao :)

h. 22.00 di lunedì 8/9

– Yosoy, pagine islandesi
Ecco il mio breve commento all’evento n. 183.
Innazitutto la scrittrice, islandese, ha 32 anni e ne dimostra dieci di meno. Non che questo conti molto, ma è una delle cose che mi hanno colpito. Mi ha dato la netta impressione di essere una ragazza decisa.
L’incontro è stato presentato da Paola Mastrocola, le cui domande venivano riportate alla scrittrice – che rispondeva in islandese – dall’interprete, in questo caso anche la traduttrice del libro Yosoy.
Yosoy è il titolo originale, tradotto nella versione italiana con Il circo dell’arte del dolore.
Un libro che parla di dolore fisico, di un ragazzino che per un “difetto” congenito non sente il dolore fisico, e a causa di questo presta il suo corpo alle esibizioni di un circo locale.
L’atmosfera in cui è ambientato il romanzo è cupa e con scene talvolta raccapriccianti, ma ovviamente non c’è solo questo. Mi fermo qui e mi rifiuto di riportare tutto il “quasi sciagurato” spoiler letterario che la sig.ra Mastrocola ha fatto, anche se in modo simpatico. Ero quasi tentata di tapparmi le orecchie e canticchiare “lalalalalalala” alla Verdone per non farmi rovinare la trama.
Alla fine dell’evento i libri erano già stati venduti tutti, quindi lo dovrò comprare in libreria o me lo farò regalare al mio compleanno ormai vicinissimo. Perchè questo è il libro che, più di tutti quelli che ho scoperto al Festival, vorrei leggere.

9 thoughts on “DayBlogdal Festival della Letteratura di Mantova – domenica 7/9

  1. Eccomi qua di ritorno :) Grazie Tonia per avermi seguito. Sono stanchissima, ma ho passato 4 giorni in un posto e in un clima davvero affascinanti. E non parlo di clima metereologico… quello ci ha un po’ stroncato :(
    Baci!

  2. buon giorno cara Simona;ò)))))))
    Bentornata a casa.
    Tutto bene quindi.
    Bellissimo quello che dici sul
    fascino dell’evento.
    Aspetto un tuo consiglio sull’acquisto di un libro.
    Buona giornata
    Tonia

  3. ciao simo,
    è la prima volta che ti scrivo sul BLog. Che emozione!!!! :))))
    Ho letto tutto di un fiato la tua cronaca: sei stata bravissima.
    Mi hai fatto venir voglia di leggere almeno la metà dei libri di cui hai parlato…..
    a presto
    baci
    Gabriella

  4. Vedo che sei appassionata di libri.
    Allora, forse, potrebbe interessarti fare un salto nel nostro blog.
    Cronaca davvero interessante, complimenti.

  5. Tonia:
    ciao :))) Così, d’istinto ti consiglierei i libri di Nicole Krauss.
    A presto!

    Gabriella:
    eccoti finalmente!! :))) Grazie per il commento. Dall’impressione che ho avuto, consiglierei tutti i libri degli autori che ho ascoltato (e che non ho mai letto…). Baci!

    Volkilibro:
    grazie. Vi verrò a leggere senz’altro ;)

  6. Ciao Simona;ò)))))
    Volevo il tuo consiglio sull’acquisto di un libro su Giordano Bruno.
    M’interessa il periodo.
    Sono interessata all’inquisizione al medioevo.
    Insomma a tutto quello che concerne la posizione della chiesa su questo argomento.
    Ho letto ,leggo e cerco quando posso.
    Ma vorrei qualcosa di valido ,neutrale senza riflessioni di parte.
    Ti ringrazio
    e tanti baci.
    Tonia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...