DayBlog dal Festival della Letteratura di Mantova – Arredamenti urbani, passamanerie e Peanuts

DayBlog dal Festival di Mantova

Dopo una veloce colazione con i buonissimi dolci fatti in casa dalla nonna Giuly, io e Francesco siamo usciti ed ognuno è andato all’appuntamento prenotato: Francesco ad ascoltare il fisico Julian Barbour ed io alla scoperta di due vecchie mercerie di Mantova :)
Ebbene si, mi sono concessa la mattinata per scoprire se anche qui c’è un interessante mercato di passamanerie. Effettivamente c’è, e nei prossimi giorni deciderò se fare qualche acquisto o se rimandarlo in occasione di un’altra visita.
Il giovedì mattina nel centro di Mantova si svolge anche il mercato settimanale, di abbigliamento, pelletterie, biancheria per la casa e tutte gli articoli che si possono trovare in un mercato.
Potete immaginare che bella mattinata io abbia trascorso! Bella davvero.

Urbanistica dei messaggi è stato il mio primo appuntamento del pomeriggio, tenuto dagli architetti Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto. E’ stata una conferenza abbastanza interessante – e lo sarà stata soprattutto per gli addetti ai lavori – organizzata nel bellissimo teatro Bibiena.
I tre architetti, gli stessi che hanno progettato l’allestimento per le Olimpiadi invernali di Torino del 2006, hanno spiegato con termini comprensibili anche ai comuni mortali come me, lo studio che precede un arredamento urbano. Dover progettare segnbaletiche, installazioni tridimensionali, cartelloni, comporta la considerazione di diversi aspetti, tra cui la disposizione architettonica della città, il comportamento delle persone, il clima.
In particolare, a Torino è stata fatta una scelta cromatica dell’arredamento urbano molto forte: rosso e nero. E nonostante questo, tutti gli allestimenti si sono coesi perfettamente con la struttura della città, svolgendo efficacemente la funzione per cui erano stati progettati.
Curiose e d’effetto le strutture “shangai”: pali rossi luminosi alti fino a 9 metri, disposti in verticale e incrociati tra loro come nell’omonimo gioco, dentro i quali scorrevano le scritte con i programmi del giorno ed i risultati delle gare.
Un altro esempio interessante è stato quello dell’allestimento ideato per il Festival dei Saperi di Pavia. In alcuni luoghi della città sono stati messi dei pannelli con una sorta di libreria per il bookcrossing, diventando così dei veri e propri luoghi di incontro.
L’aspetto interessante di questi arredamenti urbani è come riescano in certi contesti, e se studiati bene, a modificare la morfologia dei luoghi stessi ed il comportamento delle persone.
Ho lasciato il teatro quando sono iniziate le domande dal pubblico, spesso davvero troppo lunghe.

Più tardi nel pomeriggio sono persino riuscita a riposare, ed è’ così che mi dovrò organizzare anche per il prossimo anno: appuntamenti non troppo ravvicinati tra loro e più tempo per potersi guardare in giro e riprendere fiato.
Alle cinque e mezza c’era l’appuntamento a ingresso gratuito, della rassegna Scintille, trenta minuti di improvvisa energia, in Piazza Sordello. Il titolo era Trenta minuti di Tolkien. Non potevamo non esserci!
Essendo arrivata in anticipo sul luogo dell’evento, ho trovato molti posti liberi e mi sono permessa di tenere un posto anche per Francesco, che mi avrebbe raggiunto poco prima dell’inizio. Doveva intervenire il sig. Quirino Principe, curatore della prima edizione italiana di Il Signore degli Anelli, che ha però avuto un improvviso contrattempo, lasciando diversi spettatori delusi, e qualcuno anche arrabbiato. Tornerà domani, e non so se riuscirò ad esserci. Peccato.

Abbiamo colto l’occasione del tempo a disposizione per risalire in stanza e prendere i libri portati da casa, per portarli poi ai punti di scambio libri usati. Se lo scambio non avviene si possono comunque prelevare libri lasciando un’offerta in apposite cassette.

Infine, l’ultimo appuntamento della giornata è stata un’altra proiezione al teatro Ariston. Un documentario interessantissimo sulla vita di Charles Schulz, l’autore dei Peanuts, una passione che io e Francesco condividiamo.
Abbiamo ascoltato sue interviste, testimonianze di amici e famigliari, persino della sua ragazzina dai capelli rossi :)  La figura che ne esce da questo documentario è quella di un uomo molto chiuso, problematico, che aveva trovato nelle sue strisce una terapia per la sopravvivenza.
Molto commuovente.
Il film si intitola Good Ol’ Charles Schulz, di David Van Taylor (USA 2007).

Domani, prima di andare all’appuntamento che avrà come ospite Gherardo Colombo, passerò dal negozio La casa della Passamaneria per sentire il prezzo che la padrona ha deciso di farmi sulle passamanerie che ho scelto questa mattina.

Buonanotte!

3 thoughts on “DayBlog dal Festival della Letteratura di Mantova – Arredamenti urbani, passamanerie e Peanuts

  1. Mercerie di Mantova!!!!!!!!!!!!;ò)))))
    Che donna,che donna!!!!!!
    Ehhh!!!!!
    Le tue antenne sono sempre pronte
    a captare profumi che poi trasmetti a chi ama
    le cose che ami tu!!!!
    Io aspetto !!!!!!
    Interessanti come sempre le tue recensioni.
    Buon proseguimento!!!!!
    Ciao
    Tonia

  2. Tonia:
    Ciao :))) Rispondo a distanza di settimane, ma rispondo.
    Ho le antenne sempre pronte a ricevere quando si tratta di queste cose. Proprio oggi ho portato a termine un altro colpo fantastico. Te ne parlerò.
    A Mantova ho trovato delle passamanerie e bordi meravigliosi, ma troppo cari: la padrona del negozio è un’appassionata come me, quindi dà all’articolo il valore giusto – che per me naturalmente non è conveniente.
    Bacioni! :o)

    Donatella:
    Grazie :))) Ricambio i saluti, sempre da Brescia. Ma non arriva più l’autunno qui? Io voglio la pioggia e voglio vedere le foglie che cadono nei viali, e voglio anche avere un po’ di freddo!
    Scusa lo sfogo :) Buon fine settimana!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...