Tintura naturale, i bambini e il colore – Staffetta di BLOG in BLOG

Come anticipato nell’articolo di BLOG in BLOG, una Staffetta tra bloggers, oggi si inaugura il primo articolo della Staffetta, il cui tema è: i bambini e il colore.

La Staffetta di BLOG in BLOG è un’iniziativa che prevede un argomento mensile, che ogni partecipante svilupperà a propria discrezione e secondo il proprio punto di vista, pubblicando un articolo il giorno 15 di ogni mese.
In coda all’articolo l’elenco dei blog partecipanti –

*****

Seta tinta naturalmente con cannella, curcuma, tè cinese, fondi di caffè, salvia e rosmarino

Dopo qualche riflessione, ho deciso di sviluppare l’argomento del mese di Maggio parlando di tintura naturale, una mia più o meno recente passione.
Un’attività che può essere fatta coinvolgendo bambini e ragazzi, facendo però molta attenzione alle fasi più critiche – come ad esempio la cottura degli ingredienti – che dovranno essere svolte da un adulto.

Tingere con le piante è un passatempo interessantissimo, educativo e di grande soddisfazione – e richiede un po’ di tempo; una sorta di slow-craft ;)
E’ secondo me un’ottima occasione per insegnare ai bambini cha la natura è anche colore, e che quel colore lo possiamo estrarre.

Ogni ingrediente utilizzato avrà una resa diversa dagli altri ingredienti, e il lavoro sarà ben fatto se tutta la fase di tintura verrà segnata passo passo su una scheda, un taccuino, un’agenda o un ricettario, allegando alla fine un campione di fibra colorata.

Cosa potrebbe aver voglia di tingere un bambino?
T-shirt, bandana, pizzo o strappi di stoffa per creare un fiore da applicare su mollettine per capelli/cerchietto/sandaletti, un indumento irrecuperabilmente macchiato, un cappellino, un segnalibro…

Informazioni generali sulla tintura naturale

Moltissime piante hanno proprietà tintorie, e la tintura vegetale è un’attività che si pratica da secoli.
Non esiste un unico procedimento, ce ne sono di più o meno complessi, e fortunatamente c’è ancora molto spazio per la sperimentazione.

Il colore ricavato naturalmente attecchise meglio su fibre naturali, animali o vegetali che siano.

  • Fibre vegetali: cotone, lino, bamboo, canapa, ortica.
  • Fibre animali: lana (pecora, alpaca, angora, cashmere), seta.

Le fasi classiche della tintura

  1. preparazione delle fibre alla colorazione (mordenzatura)
  2. preparazione del bagno di colore
  3. immersione delle fibre nel bagno di colore
  4. lavaggio e risciacquo
  5. asciugatura

La mordenzatura serve a rendere le fibre ricettive al colore, e uno dei prodotti maggiormente utilizzati è l’allume di rocca, un sale naturale.
Alcune ricette di tintura suggeriscono anche l’utilizzo di sale da cucina o aceto.
In natura, tuttavia, esistono piante che contengono un mordente naturale (ad es. il tannino) e per questo motivo possono essere utilizzate per la tintura diretta senza mordenzatura.
Il tè, il mallo di noce, il basilico, la salvia, la scorza del melograno sono solo alcuni esempi di vegetali contenenti tannino.

.

Istruzioni per la tintura (con bambini e ragazzi)

.

fondi di caffè per tintura naturaleDato che in natura esistono vegetali tossici o irritanti, per questo articolo ho deciso di parlare della tintura ottenuta da ingredienti commestibili e facilmente reperibili.

Gli esperimenti illustrati nell’articolo sono stati fatti utilizzando foglie, spezie in polvere e un ingrediente riciclato:

  • salvia + rosmarino
  • cannella in polvere
  • curcuma in polvere
  • tè cinese in foglie
  • fondi di caffè.

La tintura è stata fatta su cotone, lana e seta – tre fibre con tre differenti rese.

Per gli ingredienti scelti non è stata necessaria la fase di mordenzatura.
In questo modo otterrete un risultato comunque soddisfacente, e risparmierete ai vostri bambini una fase probabilmente poco attraente.

.

Ricavare il bagno di colore

.

Bagno di colore per tintura naturale: salvia e rosmarino bagno di colore con curcuma, tintura naturale Bagno di colore per tintura naturale: foglie di tè verde cinese

Quantità

Anche se per i miei esperimenti ho calcolato le quantità a occhio, ecco alcune indicazioni più precise:

  • prodotti in polvere (es. cannella e curcuma): circa la metà del peso della fibra da tingere;
  • foglie (es. tè, salvia, rosmarino) circa lo stesso peso della fibra da tingere.

Il bagno di colore si può ricavare sia a freddo che a caldo.
In entrambi i casi, si immerge il materiale colorante in un recipiente pieno d’acqua a temperatura ambiente, la cui quantità deve essere sufficiente per poter coprire completamente la fibra che poi si dovrà tingere.

Procedimento a caldo

Portare l’acqua a ebollizione, abbassare al minimo il fuoco e lasciar cuocere per un paio d’ore o fino a quando l’ingrediente avrà lasciato un colore per voi sufficiente; attendere il raffreddamento.
Scolare il bagno di colore in un recipiente, filtrando con un colino gli ingredienti usati per la tintura.
Il bagno di colore è pronto e potrà essere riutilizzato, meglio se conservato in recipiente di vetro e al buio.

Procedimento a freddo

Come sopra, ma senza far bollire l’acqua: si lascia l’ingrediente colorante in ammollo in un recipiente (meglio se in vetro) ed esposto alla luce.
Naturalmente i tempi si allungano, e il bagno di colore potrà ritenersi pronto quando il colore ottenuto sarà per noi sufficientemente intenso.

.

La tintura

.

campioni di tintura naturale con tè cinese in foglie, su seta cotone e lana campioni di tintura naturale con salvia e rosmarino, su seta cotone e lana campioni di tintura naturale con fondi di caffè, su seta cotone e lana
campioni di tintura naturale con curcuma in polvere, su seta cotone e lana campioni di tintura naturale con cannella in polvere, su seta cotone e lana

Immergere la fibra nel bagno di colore a temperatura ambiente.
Portare a ebollizione, abbassare il fuoco al minimo e lasciare cuocere per circa 1 ora. Spegnere il fuoco e attendere il raffreddamento.
Scolare e lavare con sapone (possibilmente naturale), sciacquare e stendere all’aria aperta – non al sole diretto.

Anche la fase di tintura si può eseguire a freddo, lasciando immersa la fibra nel recipiente di vetro per un periodo di tempo a piacere, fino a che il colore non sarà di vostro gradimento.
La tintura con la curcuma, ad esempio, l’ho eseguita interamente a freddo, e il risultato è stato notevole.

Se vorrete ripetere l’esperimento di tintura altre volte,  vi suggerisco di conservare le bucce secche delle cipolle rosse e gialle, un ingrediente che dà sorprendenti tonalità di giallo verde e arancione, e che non necessita di mordenzatura.

Buon divertimento! ;)

====

Elenco blog partecipanti alla Staffetta di Maggio
“I bambini e il colore”:

Alessia scrap & craft http://www.4blog.info/school
Casa Organizzata http://www.casaorganizzata.4blog.info/
Mamma & Donna http://www.mammaedonna.info
BabyGreen – www.babygreen.it
Priorità e Passioni – http://prioritaepassioni.blogspot.it/
Il caffè delle mamme –http://www.ilcaffedellemamme.it/tag/di-blog-in-blog/
ParoladiLaura – http://www.paroladilaura.blogspot.it/
simona elle – www.simonaelle.com
Ideamamma http://www.ideamamma.it/
Mavie – http://www.mavie.it/tag/di-blog-in-blog/
MadreCreativa www.madrecreativa.blogspot.com
Vivere a piedi nudi http://vivereapiedinudi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
La bussola e il diario: la vita e il viaggio http://bussolavita.blogspot.it
Cento per cento Mamma http://centopercentomamma.blogspot.com
Mammachetesta http://www.mammachetesta.com/category/di-blog-in-blog/
Mammola Blogspot http://www.mammola-ilmondochevorrei.blogspot.com
Per mille cammelli! http://permillecammelli.blogspot.it/
Tulimami http://tulimami.blogspot.it
Il Pampano http://ilpampano-designbimbi.blogspot.it/
Palmy (Mens Sana – Learning is experience) http://laproffa.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Beta – http://bimbumbeta.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Penso Invento Creo http://pensoinvento.blogspot.it/
MAMMAMIACOSAFACCIO!? http://mammamiacosafaccio.blogspot.it/
MAMMACHECASA! http://mammachecasa.blogspot.com
Viaggi e Baci http://viaggiebaci.wordpress.com
Allegri Briganti http://www.allegribriganti.it/blog/
Diario magica avventura http://lamiadolcebambina.blogspot.it/
Bimbiuniverse blogspot http://bimbiuniverse.blogspot.com
Il mondo di Cì http://ilmondodici.blogspot.it/search/label/staffetta%20blog
Tanto per… http://tantoperche.blogspot.com
Mamma Studia! http://mammastudia.blogspot.it/
MammeMatte http://www.mammematte.org
Silvia Ballico http://lavandaecioccolato.blogspot.com
GocceD’aria: http://goccedaria.it
Design Therapy http://www.designtherapy.it
Le M Cronache http://lemcronache.blogspot.com
sono una mamma non sono una santa http://theyummymom.blogspot.it/
ero Lucy Van Pelt http://erolucyvanpelt.blogspot.com/
diario per Bia http://diarioperbia.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Can che abbaia http://cancheabbaia.blogspot.com
Unamammaperdue : http://www.unamammaperdue.blogspot.it
Bodò. Mamme con il jolly: http://bbodo.wordpress.com/
Monica e lo Scrapbooking http://www.monicc.wordpress.com
Crea-Family http://crea-family.blogspot.it/
Elegraf http://elegraf77.blogspot.it/
Accidentaccio http://accidentaccio.blogspot.it/
Kreattiva http://kreattiva.blogspot.it
Passe-partout http://partoutml.blogspot.it/
Ferengi in Addis http://ferengiaddis.wordpress.com/
Home-Trotter http://www.home-trotter.blogspot.it
Cuore di Leonessa http://mogliefidanzatedelreggimentosanmarco.wordpress.com/
RitaQuatriniVaselli http://ritavaselli.blogspot.com
Cristina http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.it/
Mother of Two http://mammadisem.blogspot.it/

43 thoughts on “Tintura naturale, i bambini e il colore – Staffetta di BLOG in BLOG

  1. Ma è semplicemente fantastico questo post!!!Ci proverò di sicuro, con o senza le mie belvette, però a Martina la cosa piacerà di sicuro.Anni fa ho tinto delle stoffe, ma con i classici colori in commercio, mescolandoli tra loro e usando delle diluizioni, i risultati ottenuti sono stati particolari.Le mie stoffe attendono ancora di essere utilizzate.Ma la tintura naturale mi piace molto, la devo proprio provare!

  2. Ciao Simona sono qui anch’io.
    Un mondo nuovo per me.
    Non mi sono mai cimentata.
    Ci sono delle cose che non capisco,alcuni punti.
    Lana e stoffa.
    Si possono tingere anche se sotto c’e’ il colore di base?
    So che mi spiegherai.
    Il successo del tuo post mi fa’ enormemente piacere.
    Un abbraccio.
    Tonia

    1. Ciao carissima Tonia! :)
      La tua domanda è legittima e io nel post non ho specificato nulla al riguardo.
      Solitamente si tingono fibre dal colore naturale (bianco, crema, biancastro), però si possono tingere fibre già colorate, compatibilmente con il colore che si vuole dare.
      Naturalmente non possiamo ottenere un colore chiaro da una base scura, ma se vuoi ad esempio colorare di verde una fibra dalla base color beige, il tuo verde verrà un pochino più scuro rispetto ad una base di partenza bianca.
      In ogni caso, devo ancora sperimentare molto prima di dare risposte certe, ma sono sulla buona strada ;)
      Un bacione e grazie per il tuo commento!

  3. sto provando a lasciare un commento… visto che ieri non ci riuscivo! Adesso dovrebbe essere più semplice visto che mi sono registrata su wp

  4. Mamma mia quanto è interessante quello che hai scritto. Io non credo che avrò mai il coraggio di applicarmi in questi procedimenti però è comunque bello imparare cose nuova. Ciao Simona

  5. bellissimo questo post! mi hai aperto un mondo!!! voglio farlo anche io, assolutamente… chissà cosa potrebbe accadere alle tutine rosa della mia bimba, che devo riciclare per il bimbo in arrivo!!! :)

  6. Grazie Fi ;)
    Vedrai, ti divertirai molto! Però se la base del capo che colori ha già un colore definito, il risultato è sempre un po’ un’incognita. Ma anche questo lato della sperimentazione è interessante :)
    Ecco, magari da una tutina rosa non potrai mai ricavare una tutina gialla ;) Ma questo probabilmente lo avevi già immaginato.

  7. La curcuma!! L’adoro in tutte le sue forme, colore e sapore… è per quello che il mio nick deriva proprio da lei :) Complimenti per il bellissimo post, è un po’ di tempo che sto pensando di colorare delle stoffe…. il prossimo passaggio saranno le stampe, cosa difficilissima O_o

  8. Molto interessante , del resto già per antichizzare certi lavori a decoupage si potevamo utilizzare te’ o caffe’, cosi’ come per colorare le uova di Pasqua si utilizzavano le bucce di cipolla , le spezie etc…
    Anche le rape rosse sono un ottimo colorante; la curcuma e’ bellissima!
    Vorrei saper poi, nel lavaggio come comportarci . scoloreranno le fibre colorate ?. ciao eli57 e grazie

    1. Grazie Eli! ;)
      Potrebbe essere che il colore perda un po’ di tono non facendo la mordenzatura, ma non è detto. Il tè, ad esempio, ho constatato che non scolora, idem la curcuma.
      Per i primi lavaggi, però, terrei i capi separati da altri. Non si sa mai… :)

  9. Colori molto belli, uniformi, perfetti.
    Hai fatto un bellissimo lavoro, molto utile anche per ritingere un capo che magari si è scolorito. Colori naturali indicati per creare vestiario per bambini, brava come sempre.
    Lory

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...